Market Wrap: Bitcoin Steadies a $18.7K; la posizione delle opzioni Big Ether circa $1.120 non è rialzista

La stagnazione del volume e la lentezza di dicembre hanno fatto sì che il bitcoin scivolasse costantemente sotto i 19.000 dollari; le opzioni etere sopra lo spot sono più alte a 1.120 dollari di prezzo d’esercizio.

  • Bitcoin (BTC) è stato scambiato a circa $18.705 alle 21:00 UTC (4 p.m. ET). Scendendo dell’1,7% rispetto alle 24 ore precedenti.
  • L’intervallo di 24 ore di Bitcoin: $18.629-$19.299 (CoinDesk 20)
  • BTC al di sotto delle sue medie mobili a 10 e 50 giorni, un segnale ribassista per i tecnici del mercato.

Il prezzo del bitcoin è sceso di nuovo martedì, dopo la mossa di lunedì. Verso le 06:00 UTC (1 a.m. ET), i trader hanno iniziato a vendere, che è culminato con un prezzo che è sceso fino a 18.629 dollari, secondo i dati di CoinDesk 20. Il prezzo si è in qualche modo ripreso ed è stato di 18.705 dollari al momento della stampa.

„Lo slancio a breve termine è diminuito“, ha osservato Katie Stockton, analista tecnico di Fairlead Strategies. „Le nostre misure di ipercomprato/sovravenduto sostengono altre due o tre settimane di consolidamento prima che la tendenza al rialzo riprenda“.

Lo slancio, sotto forma di volume, è molto più basso questa settimana rispetto alla settimana precedente. Le borse tracciate da CoinDesk 20 hanno registrato finora meno di un miliardo di dollari di attività spot media giornaliera questa settimana.

Un po‘ di incertezza nei mercati tradizionali potrebbe infiltrarsi nell’ecosistema della crittovaluta, ha osservato Joel Edgerton, chief operating officer della borsa BitFlyer. „Non c’è una chiara direzione del mercato a breve termine con le discussioni di stimolo nel Congresso (USA) come positivo e l’aumento dell’attenzione normativa come negativo“, ha detto Edgerton a CoinDesk.

Le performance azionarie globali di martedì sembrano al massimo miti:

  • Il Nikkei 225 dell’Asia ha chiuso la giornata con uno slittamento dello 0,30%, poiché gli investitori giapponesi erano in attesa di un possibile pacchetto di stimolo statunitense.
  • Il FTSE 100 dell’Europa ha chiuso in piano, nel verde 0,05%, mentre i trader sono rimasti cauti a causa dell’incertezza dei colloqui in corso con Brexit.
  • Negli Stati Uniti l’S&P ha guadagnato lo 0,40% sulla notizia che il drugmaker Pfizer sta iniziando a spedire il suo vaccino contro il coronavirus.

„Penso che potremmo vedere bitcoin rimanere sotto i 19.000 dollari per un altro paio di settimane mentre gli investitori prendono i loro profitti e iniziano a rilassarsi prima di Natale“, ha detto Michael Gord, amministratore delegato della società di crittografia Global Digital Assets. „Mi aspetto di vedere un’impennata della domanda, dato che le imprese e le istituzioni hanno nuovi budget per il 2021 e devono decidere dove dispiegarli“.

Alcuni trader stanno anche mettendo chiaramente alcune delle loro partecipazioni in bitcoin nell’etere. Questo si può vedere dalla tendenza giornaliera della coppia spot ETH/BTC, che continua ad essere rialzista, secondo gli standard di analisi tecnica, dopo essere tornata a fine novembre. In altre parole, alcuni trader stanno vendendo BTC per acquistare ETH.

„Una recrudescenza nella ricerca di alfa attraverso altri token sta probabilmente impedendo a bitcoin di fare ulteriori guadagni mentre il capitale viene impiegato altrove“, ha osservato Denis Vinokourov, responsabile della ricerca presso la crypto brokerage Bequant.

„Storicamente le festività hanno visto [un] declino del mercato mentre gli investitori prendono profitti e si prendono del tempo libero dal mercato“, ha aggiunto il direttore operativo di Global Digital Asset, Zachary Friedman. „Il mercato di tendenza laterale può anche vedere un’impennata di monete alternative“.

L’interesse più alto delle opzioni etere aperte sopra lo spot è di $1.120

La seconda valuta più grande per capitalizzazione di mercato, l’etere (ETH), è scesa martedì a circa 563 dollari e ha perso il 4% in 24 ore alle 21:00 UTC (4:00 p.m. ET).

I trader hanno accumulato opzioni al prezzo d’esercizio di $1.120 per 1 ETH. Questo livello ha ora la più alta quantità di interessi aperti sugli scioperi al di sopra dell’attuale prezzo spot. Tuttavia, secondo i dati di Skew, il 60% degli strike sono ancora al ribasso dello spot.

Inoltre, la grande posizione allo strike di $1.120 non è necessariamente rialzista.

„Possiamo vedere che gli acquirenti – investitori al dettaglio o pubblici – sono in realtà net short short molto out-of-the-money call a $1.120 ETH“, ha detto Greg Magadini, amministratore delegato dell’aggregatore di dati Genesis Volatility.

Utilizzando i dati dello scambio di opzioni di Deribit, Magadini ha mostrato (nel grafico) che l’ampia posizione allo strike da 1.120 dollari è costituita dai trader che stanno vendendo quelle chiamate allo scoperto su Deribit. „La vendita al dettaglio è stata una vendita allo scoperto“, ha aggiunto.

Altri mercati

Le risorse digitali sul CoinDesk 20 sono tutte rosse martedì. Perdenti notevoli a partire dalle 21:00 UTC (16:00 p.m. ET):

  • rete omg (OMG) – 8,3%.
  • algoritmo (ALGO) – 8,2%
  • stellare (XLM) – 7,3%.

Materie prime:

  • Il petrolio era piatto, in crescita dello 0,02%. Prezzo al barile del greggio intermedio del Texas occidentale: 45,63 dollari.
    L’oro era in verde dello 0,39% e a 1.869 dollari al momento della stampa.

Tesoro:

  • Il rendimento dei titoli del Tesoro americano a 10 anni è sceso martedì a 0,913 e in rosso dello 0,53%.